Un po' al seno, un po' al biberon

A volte è necessario Integrare il latte materno con il latte formulato…

allattamento-seno-biberon

L’allattamento al seno è certamente il meglio per il neonato. Tuttavia, se insorge qualche difficoltà, ad esempio se il latte materno non è sufficiente a saziare il piccolo, si può integrare la poppata con il latte formulato in aggiunta al latte materno, su indicazione del pediatra, utilizzando un buon biberon. Si parla in questo caso di allattamento misto che consente di nutrire adeguatamente il bambino senza privarlo completamente dei benefici del latte materno.

 

Il biberon può essere anche un prezioso aiuto quando la mamma ha necessità di estrarre il proprio latte con un tiralatte e lo somministra poi al bambino.

 

L’allattamento misto può essere di due tipi:

 

1. ALLATTAMENTO COMPLEMENTARE

Ad ogni poppata il bambino si nutre al seno per quanto possibile e poi completa il pasto assumendo latte artificiale dal biberon. Questo tipo di allattamento offre il vantaggio di mantenere attiva la produzione di latte, stimolata dalla suzione frequente.

 

2. ALLATTAMENTO ALTERNATO

Prevede la somministrazione di un pasto esclusivamente al seno ed il pasto successivo esclusivamente con il biberon. Questo tipo di allattamento è comodo per la mamma, che ha più tempo per dedicarsi a se stessa o al lavoro, ma è bene ricordare che la ridotta suzione da parte del lattante rischia di far esaurire rapidamente la produzione di latte.

 

In caso di allattamento misto, è bene scegliere un biberon dotato di tettarella con caratteristiche più simili al seno, in modo che il piccolo riesca a nutrirsi indifferentemente dal seno o dal biberon, senza difficoltà nell’alternanza.

Potresti essere interessato a

Sullo stesso argomento