Vicini vicini…

Dormire vicini al proprio piccolo è consigliato, ma portarlo nel lettone non è sicuro per il bambino

culla-vicino-letto-next-to-me

Nei primi giorni, nelle prime settimane, mamma e papà vorrebbero avere il loro bimbo sempre accanto. Durante la notte questa necessità diventa ancora più intensa: la mamma soprattutto, ha bisogno di sentire il figlio accanto a sé, per nutrirlo, accudirlo e sorvegliarlo. 

Ma anche il neonato si tranquillizza sentendo la presenza e la vicinanza della mamma, si sente sicuro e riceve subito soddisfazione dei suoi bisogni.

Oggi gli esperti ritengono che questa vicinanza sia positiva, non solo per la tranquillità dei genitori ma anche per la crescita corretta del bambino che regola i suoi ritmi biologici con quelli dei genitori. 

Secondo studi recenti, inoltre, il bambino che dorme nella stessa stanza dei genitori ma non nel lettone corre meno rischi di incorrere nella SIDS, la sindrome della morte improvvisa del lattante.

Alla luce di tutto questo, non sono poche le mamme che portano il piccolo a dormire vicino a loro, spesso portandolo nel loro letto, anche per evitare di doversi alzarsi di notte per le poppate e risvegli frequenti.

Ma far dormire il bambino nel lettone è assolutamente sconsigliato perché non è sicuro per il piccolo!

Per un neonato il calore che si sviluppa sotto le coperte in presenza di adulti potrebbe essere eccessivo e quindi pericoloso. Inoltre durante il sonno non è da escludere la possibilità che la mamma possa avvicinarsi troppo al piccolo, con un concreto rischio di accidentale soffocamento.

Si raccomanda quindi di far dormire il bambino nella camera con i genitori ma non nel loro letto. Meglio utilizzare una culla da posizionare accanto al lettone dove il bimbo possa riposare senza pericolo in uno spazio tutto suo, vicino alla mamma ma in tutta sicurezza. Per una nanna davvero serena.

 

Potresti essere interessato a

Sullo stesso argomento