Il latte della mamma, anche se la mamma non c’è

Si può continuare a nutrire il bimbo con il prezioso latte della mamma, anche se si riprende il lavoro o ci si deve allontanare dal bambino.

3-1394467490682

Il latte materno è l’alimento migliore per il bambino: le mamme lo sanno ma, ahimè, spesso devono riprendere il lavoro quando il bambino ha solo pochi mesi. In questo caso, oltre al comprensibile rincrescimento di lasciare il loro piccolo, spesso si preoccupano anche per la prosecuzione dell’allattamento, visto che non possono essere sempre presenti per la poppata.

 

Ma non è detto che si debba ricorrere necessariamente al latte ricostituito: si può provare  con un tiralatte, raccogliendo il latte estratto dal seno in un contenitore sterile e conservandolo in frigo o in freezer.

 

In questo modo, anche se la mamma è al lavoro o è fuori casa, il bambino può essere nutrito con il latte materno, dalla nonna, dalla tata, da chi si occupa di lui, godendo di tutti i vantaggi del latte della mamma, anche se la mamma non c’è.

 

Certo, molte mamme sono un po’ riluttanti ad usare un tiralatte perché temono che sia complicato da utilizzare che possa essere fastidioso sul seno, che faccia male.

 

In realtà un tiralatte manuale è delicato perché è facilmente gestibile dalla mamma che può regolare la pressione e l’intensità dell’estrazione secondo le sue esigenze. Di solito dopo le prime pressioni della leva il latte fluisce facilmente, la mamma non fa fatica e non prova fastidio.

 

Quindi questo oggetto che potrebbe un po’ spaventare, si rivelerà un alleato utile per gestire l’allattamento in ogni situazione, per poter continuare ad allattare nonostante le assenze e le eventuali difficoltà, per nutrire il piccolo con il prezioso latte della mamma, il più a lungo possibile.

Potresti essere interessato a

Sullo stesso argomento